UCB Libraries

 

Past Exhibit

 

The Printed Page and Early Modern Italy

 

On Display in the Special Collections Department April 8 through May 7, 2004

Location: Special Collections Department, Norlin Library, Room N345
Phone: 303-492-6144 Email: spc@colorado.edu

 

Shelf of old books

 

+++Co-curated by ten University of Colorado Italian majors and minors under the guidance
of Professor Suzanne Magnanini, the exhibit contains books produced between
1500 and 1760 and is presented in both English and Italian.+++

 

 

CASE I:

Alia Wallace

 

Juan Luis Vives. De l’Uficio del Marito, come si debbe portare verso la moglie. De l’istitutione de la femina christiana, virgine maritate o vedova. De lo Ammaestrare i fanciulli ne le arti liberali. Translator Pietro Lauro Modonese. Venice, 1546.

 

Portrait of Vives

 

Juan Luis Vives was born in 1492 in Valencia, Spain. His Jewish family was converted forcibly to Christianity by the Inquisition. Due to the threat of the Inquisition, Vives left home for Paris in 1509, where he studied arts and humanities. Vives developed an interest in philosophy and an admiration for many popular humanists of the time including Erasmus and Thomas More. He soon left Paris for Bruges, Belgium, and in 1514 he chose to stay there. He was appointed as tutor and instructor to William of Croy, a position he maintained until Williams’ death in 1521. At this time Vives was working on a commentary on St. Augustine’s City of God and it was immediately after finishing this work that he began working on De Institutione Feminae Christianae. This work was commissioned by Queen Catherine of Aragon, a fellow Spaniard, and was completed in 1523. After this work was commissioned, the Queen granted Vives a small pension and commissioned another work, De ratione studii puerilis (1523), a manual in which Vives outlined a course of study for young Mary, which included the study of Latin. Vives wrote other works, including On the Duties of the Husband, Institution of Christian Matrimony, and Introduction to Wisdom. Vives was married in 1524 to a wealthy woman, Marguerite Valdaura. He traveled between Bruges and the English court, and continued to write many things, including political pamphlets against the Inquisition. Vives and Queen Catherine developed an intellectual relationship based on a mutual love of knowledge and she protected him from the Inquisition. Vives lived comfortably in Bruges on a pension from King Henry and continued to write and revise many works until his death in 1540.

 

Juan Luis Vives (1492-1540) wrote his treatise, De Institutione Feminae Christianae in 1523 for Queen Catherine of Aragon in order to outline an educational path for her daughter Mary Tudor. Originally written in Latin, this translation was printed in Venice in 1546. Pietro Lauro Modonese carried out this translation in order to allow those who did not have a chance to learn Latin to have access to Vives’ work. In his treatise, Vives provided practical advice for a woman to follow from adolescence to adulthood, from marriage to widowhood. Like many of his contemporaries, Vives considered a woman’s chastity to be her greatest virtue and asset; but, unlike many of his contemporaries, he advocated female literacy as a means for teaching women to preserve their chastity. To Vives an idle mind would lead to sinfulness because humans are doomed by their natural inclinations to embrace evil. So, besides learning to cook, spin and manage the household, Vives urged that women should learn to read both the vernacular language and Latin. Interestingly, Vives recommended Scripture and classic works of antiquity as suitable reading for a young woman, but advised that women avoid ‘filthy’ books, like Boccaccio’s Decameron. Vives’ treatise was the first systematic outline of education for women and his promotion of women’s intellectual equality with men has been praised and admired to this day. The edition on display includes two other treatises by Vives, On a Husband’s Duties and How He Should Behave Toward His Wife and On Educating Children in the Liberal Arts.

 

+ + +

 

Juan Luis Vives (1492-1540) scrisse il suo trattato De Institutione Feminae Christianae nel 1523 per la Regina Caterina di Aragona per delineare un piano di studio per sua figlia Maria Tudor. Originalmente scritto in latino, questa traduzione fu stampata a Venezia nel 1546. Pietro Lauro Modonese tradusse il trattato per permettere a coloro che non avevano conoscenza del latino di avere accesso all’opera di Vives. Vives fornì consigli pratici per il comportamento delle donne dall’adolescenza all’età matura, dal matrimonio alla vedovanza. Come tanti dei suoi contemporanei, Vive considerava la castità della donna la più grande virtù e valore; ma, diversamente da molti dei suoi contemporanei, sosteneva l’alfabetismo femminile come mezzo per insegnare alle donne a preservare la loro castità. Per Vives, una mente inattiva porta al peccato perché gli uomini sono condannati dalle loro inclinazioni naturali a seguire il male. Allora, oltre ad imparare a cucinare, filare, e governare la casa, Vives volle che le donne imparassero ad leggere sia il vernacolare che il latino. È interessante notare che Vives raccomandava le Sacre Scritture e le opere classiche dell’antichità come una lettura adatta ad una giovane donna, ma consigliava che le donne evitassero libri “sporchi”, come il Decameron di Boccacio. Il trattato di Vives fu il primo schema sistematico per l’istruzione delle donne, e la sua promozione dell’ugualianza della capacità intellettuale delle donne è lodata ed ammirita anche oggi. L’edizione in mostra include due altri trattati di Vives, De l’Uficio del Marito, come si debbe portare verso la moglie and De lo Ammaestrare i fanciulli ne le arti liberali.

 

Juan Luis Vives nacque nel 1492 a Valencia in Spagna. La sua famiglia era ebrea e fu costretta a convertirsi al cristianesimo dall’Inquisizione. A causa della minaccia dell’Inquisizione, Vives lasciò la Spagna per trasferirsi a Parigi nel 1509, dove studiò lettere. Vives scopri la filosofia e nutrì un’ammirazione per molti umanisti famosi del tempo tra cui Erasmo e Tommaso More. Poco dopo nel 1514, lasciò Parigi per traferirsi a Bruges, Belgio. Fu presto assunto come tutore di William di Croy, posizione che occupò fino alla morte di William nel 1521. In questi anni, Vives stava lavorando ad un commento sulla Città di Dio di Sant’ Agostino. Immediatamente dopo aver terminato quest’opera, cominciò a scrivere on De Institutione Feminae Christianae. Quest’opera fu commissionata dalla Regina Caterina d’Aragona, anch’essa spagnola, e fu completata nel 1523. Per quest’opera, la regina lo assunse a corte e gli commissionò un’altra opera, De ratione studii puerilis (1523), un manuale nel quale Vives formula un piano di studio per la giovane Mary Tudor che includeva lo studio del latino. Vives scrisse altre opere. Si sposò nel 1524 con una donna benestante, Marguerita Valdaura. Viaggiava tra la città di Bruges e la corte inglese e continuava a scrivere trattati compreso pamphlet contro l’Inquisizione. Vives e la Regina Caterina svilupparono una relazione intellettuale basata su un’amore comune per la conoscenza e la regina lo protesse dall’Inquisizione. Vives visse agiatamente a Bruges grazie ad una pensione alla corte del Re Enrico e continuò a scrivere e rielaborare i suoi trattati fino alla sua morte nel 1540.

 

 

CASE II:

Zach Pong

 

Regarded by many as one of the greatest minds of all time, Leonardo Da Vinci was born in 1452 to a notary named Ser Piero. As a young man, Da Vinci immersed himself in the family library. At the age of 15, he left his native Vinci and took a position in nearby Florence, studying under the painter Andrea del Verrocchio. Da Vinci soon surpassed his mentor and in 1477 opened his own workshop. In 1482, he left Florence for Milan to work as Duke Ludovico Sforza’s chief military engineer. Da Vinci stayed there almost two decades, until Sforza was ousted in 1499. During this time Da Vinci blossomed as an artist, engineer, and scientist. He revolutionized Renaissance science.

 

Da Vinci did not discount the scientific accomplishments of the past, however in his studies he placed the most emphasis on empirical observation. He replicated his experiments over and over and, thanks largely to his phenomenal artistic capability to reproduce images, he recorded all of his observation. His method of performing experiments, of witnessing and recording physical events that can be replicated, became the basis for modern science.

Da Vinci recorded his studies, thoughts, and ideas in notebooks. The content of these notebooks is quite varied, treating topics as diverse as fluid dynamics, anatomy, mechanics, and architecture. There is no real order to the manuscripts, due in part to the dimensions of Da Vinci’s mind, and in part because after his death in 1519, the collection was scattered.

All works were bequeathed to Da Vinci’s favorite pupil, Francesco Melzi. After Melzi passed away in 1579, the priceless collection was dismantled, rearranged, and portioned for sale. The Da Vinci manuscripts in Norlin Special Collections are facsimiles of twelve small notebooks known as the “Codex of the French Institute.” The notebooks are labeled A-M and represent the great diversity of Da Vinci’s intellectual endeavors.

 

Fascimile page of Da Vinci's notebooks

 

 

+ + +

 

Considerato da molti come uno delle più grandi menti di tutti i tempi, Leonardo Da Vinci nacque nel 1452 da un notaio chiamato Ser Piero. Da giovane, Da Vinci approfittò della biblioteca della sua famiglia passando molto tempo immerso nei libri. All’età di quindici anni, lasciò Vinci per iniziare un aprendistato sotto il pittore Andrea del Verrocchio a Firenze. In poco tempo, Da Vinci sorpassò il suo maestro e nel 1477 aprì la sua propria bottega. Nel 1482, lasciò Firenze per Milano dove lavorò come ingegnere militare per il Duca Lodovico Sforza. Da Vinci rimase a Milano quasi due decenni, finché Sforza fu esiliato nel 1499. Durante questi anni, Da Vinci ebbe successo come artista, ingegnere, e scienziato praticamente rivoluzionando la scienza rinascimentale.

 

Da Vinci non negò le scoperte scientifiche del passato, tuttavia nei suoi studi ha dato enfasi all’osservazione empirica, ripetendo i suoi esperimenti innumerevoli volte e grazie alla sua fenomenale capacità artistica ha registrato tutte le sue osservazioni nei suoi quaderni. Il suo metodo di condurre esperimenti , di osservare e registrare fenomeni fisici che possono essere replicate divenne una base fondamentale della scienza moderna.

 

Da Vinci ha registrato i suoi pensieri e le sue idee in quaderni. Il contenuto di questi quaderni è incredibilmente vario, trattando argomenti così diversi come la dinamica fluida, l’anatomia, il moto, e l’architettura. I manoscritti non sono logicamente ordinati, questo in parte dovuto alla grandezza del pensiero di Da Vinci, e in parte poiché dopo la sua morte nel 1519 la collezione si è sparsa nel mondo.

 

Da Vinci lasciò tutta la sua opera al suo studente preferito, Francesco Melzi. Dopo la morte di Melzi nel 1579, l’inestimabile collezione fu riorganizzata e divisa per la vendita. I quaderni di Da Vinci presenti in Norlin Special Collections sono facsimili di dodici piccoli quaderni conosciuti come “Il Codice dell’Istituto Francese.” Questi dodici quaderni a cui sono state assegnate lettere dalla A alla M, rappresentano la gran diversità delle opere intellettuali di Da Vinci.

 

 

CASE III:

Marquita Norwood

 

Ludovico Ariosto. Orlando Furioso. Venice, 1595.

 

Ludovico Ariosto was born in 1474 in Reggio Emilia, Italy. He was the eldest
son of Count Niccolò Ariosto, and moved to Ferrara when he was ten years old.
He is best remembered for his epic poem L’Orlando Furioso, which inspired several paintings and musical works during the Italian Renaissance.

 

L’Orlando Furioso (first edition 1516; second edition 1532) is a romantic epic poem that was venerated highly during Renaissance. The plot of this forty-six canto poem revolves around war, love, magical enchantment, and chivalry, with Orlando serving as the classic hero. Ariosto's poem is a continuation of Orlando's adventures which were recounted in Matteo Maria Boiardo's Orlando Innamorato (1474).

 

The main plot, which recounts the Holy War between the Pagans and the
Christians under the command of King Charlemagne, is punctuated by other
adventures. The poem begins when Orlando, nephew of Charlemagne, becomes smitten with the daughter Angelica of the King of Cathay (India). She is however, being pursued by other suitors as well, including Orlando's cousin, Rinaldo. They both become dangerously infatuated with Angelica and compete with each other to win her love. Unfortunately, on account of magic spells, their desires aren't fulfilled. The poem soon switches focus to examine the romantic story of Bradamante (Rinaldo's sister) and her marriage to Ruggiero whose union founds the family line of Ariosto’s patrons, the Este family of Ferrara.

 

Deemed "the Italian Homer" for his many poems, satires, and dramas, Ariosto was clearly a man of great brilliance. L’Orlando Furioso became a celebrated and influential model for the chivalric epic and was reprinted several times during the 1500s. The edition displayed here (printed in 1595) includes illustrations, allegorical explanations (allegorie) of each canto written by Tommaso Porcacchi (1530-85), and an argomento which briefly summarizes the action of each canto by Ludovico Dolce (1508-68). Both Porcacchi and Dolce were well known in 16th-century Venice for their original works and skillful editing. Porcacchi edited classics of Italian literature by authors such as Giovanni Boccaccio and Pietro Bembo. Dolce edited an edition of Ariosto's poem and wrote a number of dialogues, comedies and tragedies.

 

+ + +

 

Ludovico Ariosto nacque nel 1474 a Reggio Emilia in Italia. Era il figlio maggior del Conte Niccolò Ariosto, e si trasferì a Ferrara all’età di dieci anni. È meglio conosciuto per il suo poema epico L’Orlando Furioso che inspirò numerosi dipinti e composizioni musicali rinascimentali.

 

L’Orlando Furioso (prima edizione 1516; seconda edizione 1532) è un poema epico cavalleresco che godeva d’un ottima fortuna già nel Rinascimento. La trama di questo poema in 46 canti tocca i temi dei guerra, amore, magia, e cavalleria, dove Orlando impersona l’eroe classico. Il poema di Ariosto è un seguito delle avventure di Orlando raccontate ne’ L’Orlando Innamorato (1474) di Matteo Maria Boiardo.

 

La trama principale che racconta la guerra santa tra i pagani ed i christiani sotto la guida di Re Carlo Magno viene punteggiata da altre avventure. Il poema comincia quando Orlando, nipote di Carlo Magno, signore e conte, si innamora di Angelica, la figlia del Re di Catai (India). Agnelica viene seguita anche da altri pretendenti, tra cui Rinaldo, il cugino di Orlando. Entrambi divengono pericolosamente infatuati e competono l’uno l’altro per vincere il suo amore. Purtroppo, a causa di una serie di incantesimi, i loro desideri non saranno soddisfatti. Il poema cambia presto direzione per seguire la storia romantica di Bradamante (sorella di Rinaldo) e il suo matrimonio con Ruggiero.

 

Chiamato “l’Omero italiano” per il suo grande poema, satire, e commedie, Ariosto fu certamente un uomo di grande talento. L’Orlando Furioso diventò un modello celebrato ed influente per il genere dell’epico cavalleresco e fu ristampato numerose volte durante il Cinquecento. L’edizione in mostra (stampata nel 1595) contiene allegorie di Thomaso Porcacchi (1530-1585) per ciascun canto ed anche un argomento di Lodovico Dolce (1508-1568) che riassume brevemente l’azione presente nel canto. Entrambi Dolce e Porcacchi erano ben conosciuti nella Venezia del sedicesimo secolo per le loro opere originali e la loro abilità editoriale. Porcacchi curò i classici della letteratura italiana di autori come Giovanni Boccaccio e Pietro Bembo. Dolce curò un’edizione del poema di Ariosto e scrisse numerosi dialoghi, commedie, e tragedie.

 

 

Amalie Veralli

 

Giacinto Grimaldi. Dell’Alchimia. Palermo, 1645.

 

Title page of L'Alchimia

 

All that remains of the life and work of Giacinto Grimaldi is his book Dell’Alchimia. Perhaps he was born in Palermo, or at least spent some part of his life there, for he is called “Panormitano” which means “native of Palermo” and his book was published in that city in 1645. The mystery surrounding his life makes what appears to be his only book that much more intriguing.

 

In Dell’Alchimia, Giacinto Grimaldi describes Alchemy, or “Divine Chemistry,” as a science involving the transformation of lead into gold, as well as the attempt to attain health and longevity, or even immortality. In the beginning centuries of the Christian era, alchemists followed Greek and Egyptian traditions and based their practices on the teachings of Aristotle. Aristotle believed that all substances are simply different forms of one prime matter, and so it was theoretically possible to change one substance into another. Today “alchemy” refers to many different practices, ranging from scientific research in radioactivity, to artistic expression, to New Age practices such as breathing exercises and meditation for the attainment of enhanced energy and health. Some New Age alchemists attempt to transform negative energies into positive ones just as ancient Alchemists attempted to transform lead into gold. Although the Alchemy of today is entirely different and that of old is no longer respected, modern day chemistry owes many of its foundations to the findings of early modern alchemists.

 

In the first lines of the first chapter entitled “What Alchemy is,” Grimaldi begins to define this science:

 

“To get straight to the point, and not to concern ourselves with a variety of opinions that might confuse or make the reader suspicious, Alchemy is nothing other than a science through which the Principles, Causes, Passions, and Properties of all metals are known, so that those metals that are imperfect, incomplete, or corrupt are reduced to 24 karat Gold or the finest Silver.”

 

+ + +

 

Tutto ciò che rimane della vita e del lavoro di Giacinto Grimaldi è il suo libro Dell’Alchimia. È possibile che sia nata a Palermo, o almeno vi abbia passato parte della sua vita poiché in quella città è stato stampato il suo libro nel 1645. Il mistero che avvolge la sua vita rende quello che sembra essere il suo unico libro ancora più affascinante.

 

Nel libro Dell’Alchimia, Giacinto Grimaldi descrive l’alchimia, o “chimica divina,” come una scienza che riguarda la trasformazione del piombo in oro ed anche il tentativo di conservare la salute, acquistare longevità, o persino immortalità. Nei primi secoli dell’era cristiana, gli alchimisti seguivano le tradizioni greche ed egiziane e fondavano le loro pratiche sugli insegnimenti di Aristotele. Aristotele credeva che tutte le sostanze fossero semplicemente diverse forme di una materia prima, per questo era teoricamente possibile cambiare una sostanza per ottenerne un’altra. Oggi, l’alchimia fa riferimento ad una varietà di pratiche che vanno dalla ricerca scientifica sulla radioattività all’espressione artistica a pratiche New Age o respirazione o meditazione per l’ottenimento di energia e benessere superiori. Alcuni alchimisti New Age tentano di trasformare energie negative in positive proprio come gli alchimisti di un tempo cercavano di trasformare piombo in oro. Sebbene l’alchimia d’oggi sia ben diversa, e quella vecchia non più rispettata, la chimica dei giorni nostri deve gran parte dei suoi fondamenti alle scoperte degli alchimisti rinascimentali.

 

Nella prima parte del capitolo primo Grimaldi comincia a descrivere l’Alchimia. Il titolo del capitolo è “Che cosa sia l’Alchimia”:

 

“Per ferir subito nel bianco, e non tener con varietà dell’opinioni: confuso, ò sospetto il lettore; l’Alchimia non è, che una scienza, per la qual sofficientemente si conoscono i Principij, le Cause, le Passioni, e le Proprietà di tutti i Mettalli; acciò quei, che sono imperfetti, incompleti, misti, e corroti, si riducano in Oro d’esqusitissimo Carato, ò in Argento di finissima prova.”

 

 

CASE IV:

Rhea Picillo

 

Giovanni Boccaccio. Il Decameron. Lyon, 1555.

 

Illustration from the Decameron

 

Boccaccio was born in 1313 to a noble family near Florence but spent his youth in Naples. He established relationships with other influential writers and artists of the time, most notably Petrarch, and was one of the earliest commentators of Dante Alighieri’s Divine Comedy. He died in Florence in 1375.

 

Giovanni Boccaccio’s Decameron occupies an important position in the Italian canon because it became the model of Italian prose for writers in the sixteenth century.
Written between 1349 and 1351, the Decameron is a collection of one hundred short stories narrated by seven women and three men during the Plague of 1348.

 

The edition showcased here is particularly interesting for several reasons. Although printed in Lyon, France in 1555, it was published in Italian rather than in French. The only French present in the book is a letter, or a privilege, written by the French king that gives the printer permission to publish. Also, despite the fact that it is an extremely small edition, it includes several additional chapters, such as a biography of Boccaccio, a list of proverbs used in the Decameron, and a table of all the novellas contained in the book.

 

+ + +

 

Boccaccio nacque nel 1313 in una famiglia nobile vicino a Firenze ma trascorse la sua gioventù a Napoli. Strinse relazioni con altri scrittori famosi del tempo come Petrarca e fu uno dei primi a commentare La Divina Comedia di Dante Alighieri. Morì a Firenze nel 1375.

 

Il Decameron di Giovanni Boccaccio occupa una posizione molto importante nella letteratura italiana perché divenne il modello della prosa italiana per gli scrittori nei secoli seguenti. Scritto tra il 1349 ed il 1351, Il Decameron è una raccolta di cento novelle raccontate da sette donne e tre uomini durante la peste del 1348.

 

L’edizione esposta è particolarmente interessante per una serie di ragioni. Sebbene stampata a Lyon in Francia nel 1555, è stata pubblicata in italiano invece che in francese. L’unico testo in francese è una lettera del Re di Francia, o privilegio, che dà la licenza di pubblicarlo. Nonostante sia un libro di dimensioni ridotte, ci sono alcune appendici tra cui “una vita di Boccaccio”, una raccolta di tutte le sentenze e i proverbi del Decameron, ed una tavola di tutte le novelle.

 

 

CASE V:

Meghan Morris

 

Le Opere Burlesche. London and Florence, 1723.

Le Opere Burlesche. Usecht al Reno, 1760.

 

Le Opere Burlesche is an anthology of comic poetry by a number of different authors, including Francesco Berni, Giovanni della Casa, and Lodovico Dolce. The majority of the works contained in these books was written during the Renaissance and first compiled in an anthology edited by Antonfrancesco Grazzini in 1548. In the eighteenth century, the anthology was expanded to include works by later writers such as Galileo. There are two editions of Le Opere Burlesche in Special Collections, one published in 1723 and the other in 1760.

 

The 1723 edition of Le Opere Burlesche contains a false printer’s device and
title pages which indicate that volumes one and two were published in London while volume three was published in Florence. It is believed that these books were actually published in Naples, because the papacy exerted less control there than in other Italian cities during the eighteenth century.

 

The 1760 edition lists Usecht al Reno as its place of publication, which is
also a false imprint possibly intended to lead the reader to believe that the work was published in Utrecht in the Netherlands. However, it is more likely that this book was actually published in Rome.

 

Why would the printers indicate false places of publication on the title page? One plausible explanation is that the anthology includes the poems of Francesco Berni. On account of their anti-clerical spirit as well as their obscenity, all of Francesco Berni’s poetry could be found on Pope Paul IV’s List of Prohibited Books, published in 1559, which listed any works, topics, and authors that should not be read by Catholics. The Church required that printers list the date, place and bookseller or printer responsible for the publication on the frontispiece of any work they published in order to locate those responsible for the publication of prohibited works. Italian printers who wanted to profit from the market for banned books often used forged imprints, fictitious printers and false places of publication to protect themselves from the Inquisition.

 

Francesco Berni was born in 1497 near Florence. He was a comic poet who, at
the age of twenty, moved to Rome where he was employed by the Church. Berni was very unhappy in this position because his superior, who would not stand for Berni’s jesting, made him work all day. It was only in 1533, when Cardinal Ippolito de’ Medici made him a canon of the Florentine cathedral, that Berni finally found a position that pleased him. He was not able to enjoy this happiness for very long, however, for he became entangled in the feud then raging between Ippolito and Alessandro de’ Medici. The poet died in Florence in 1535 or 1536, poisoned under very mysterious circumstances.

 

+ + +

 

Le Opere Burlesche è un’antologia di poesia comica burlesca scritta da diversi autori, tra cui Francesco Berni, Giovanni della Casa, e Lodovico Dolce. La maggior parte delle opere contenute in questi libri fu scritta nel Rinascimento e raccolta per la prima volta in antologia nel 1548 da Antonfrancesco Grazzini. Nel diciottesimo secolo, l’antologia venne ampliata per includere anche autori recenti come Galileo. In Special Collections, sono presenti due edizioni de’ Le Opere Burlesche, una pubblicata nel 1723 e l’altra nel 1760.

 

L’edizione de’ Le Opere Burlesche del 1723 presenta un simbolo dello stampatore falso e sul frontespizio indica che due volumi furnono pubblicati a Londra ed un terzo a Firenze. In realtà, si crede che questi libri fossere stampati a Napoli, dove il Papato esercitava un controllo meno forte di quello che aveva sulle altre città italiane durante il diciottesimo secolo.

 

L’edizione del 1760 indica Usecht al Reno come il luogo di pubblicazione, si tratta in questo caso di un nome completamente fittizio inteso a far credere al lettore che l’opera fosse stampata in Utrecht nei Paesi Bassi. Tuttavia è più probabile che questo libro fosse in realtà pubblicato a Roma.

 

Quale è la ragione per cui gli stampatori hanno indicato un luogo di pubblicazione falso sul frontespizio? Una spiegazione plausibile è che l’antologia includeva le poesie di Francesco Berni. Tutte le poesie di Francesco Berni si trovavano nella lista di libri proibiti da Papa Paolo IV, promulgata nel 1559, che elencava ogni opera, argomento, ed autore che i Cattolici non dovevano leggere. La Chiesa richiedeva che gli stampatori citassero la data, il luogo, ed il libraio o stampatore responsabili della pubblicazione sul frontespizio di ogni opera stampata per meglio individuare i responsabili della pubblicazione di opere proibite. Gli stampatori italiani che intendevano fare profitto di queste opere bandite dal mercato spesso usavano informazioni false per proteggersi dall’Inquisizione.

 

Francesco Berni nacque nel 1497 vicino a Firenze. Fu un poeto comico, che all’età di venti anni, si trasferì a Roma dove passò la maggior parte della sua vita lavorando per la Chiesa. Berni non era contento in questa posizione perchè il suo superiore, a cui non piaceva il suo comportamento scherzoso, voleva che lui lavorasse tutto il giorno. Berni finalmente trovò un posto di cui era contento quando il Cardinale Ippolito de’ Medici assunse Berni come un canone al duomo di Firenze nel 1533. Tuttavia questa felicità non durò a lungo poiché si immischiò in una disputa tra Ippolito ed Alessandro de’ Medici. Il poeta morì a Firenze nel 1535 o 1536 avvelenato sotto circostanze misteriose.

 

 

CASE VI:

Corey Sandusky

 

Galileo Galilei. Discorsi e dimostrazioni matematiche. Intorno a due nuove scienze. Leida [Leiden, Netherlands], 1638.

 

Galileo Galilei was born in Pisa on February 15th, 1564 into a family of impoverished nobility. He originally began studying medicine at the University of Pisa, but later abandoned this for mathematics. Galileo contributed many ideas and proofs to the physical sciences and also to mathematics. Unlike many men of science at the time, he relied on experimentation rather than theoretical assumptions. He proved this method worked in the famous experiment in which he dropped an object from the top of the leaning tower of Pisa in order to refute the Aristotelian claim that objects fall with a velocity equal to their weight. A number of Galileo’s discoveries and ideas challenged the beliefs of the Church. In 1616, Galileo was brought before the Inquisition for supporting the Copernican system of the universe, which set the sun at the center of the solar system. This opposed the Catholic Church’s belief that the earth was in the center of the universe. He was called again before the Inquisition for heresy in 1632 following the publication of his Dialogue Concerning the Two Chief World Systems. Galileo was subsequently sentenced to house arrest.

 

While guarded in his villa in Arcetri by officers of the Inquisition, Galileo wrote his last work Dialogues Concerning Two New Sciences (the book presented here). Today Galileo is remembered around the world for his discoveries of new physical objects in the universe, his refinements of the telescope and his many contributions to the physical sciences. Galileo died on January 8th, 1642 in his villa in Arcetri.

 

Galileo completed the Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze while under house arrest in Arcetri. The result of more than 30 years of experimentation, Galileo considered this treatise on the motion and resistance of physical bodies to be his masterpiece. It may be regarded as a summary of Galileo’s life, which he devoted to science and free inquiry unaffected by authority and tradition.

 

Galileo was not permitted to publish Dialogues Concerning Two New Sciences in Italy because it contradicted the teachings of the Church. After he had completed the book, it was smuggled out of Italy and taken to Holland to be published by the Elzevier printing house. Because they resided in a Protestant nation, the Elzevier publishers were not at risk of being called before the Inquisition.

 

+ + +

 

Galileo Galilei nacque a Pisa nel 1564 in una famiglia nobile, ma povera. All’università di Pisa cominciò a studiare medicina che abbandonò più tardi per la matematica. Galileo ha contribuito allo sviluppo delle scienze e della matematica. Diversamente da molti uomini di scienza del tempo, contava sulla sperimentazione piuttosto che sulla teoria pura. Provò la sua metodologia nel famoso esperimento nel quale lasciò cadere un oggetto dalla cima della torre di Pisa per confutare la teoria aristotelica che gli oggetti cadono con una velocità uguale al loro peso. Numerose scoperte ed idee di Galileo sfidavano la dottrina della Chiesa. Nel 1616, Galileo fu trascinato di fronte all’Inquisizione per aver sostenuto il sistema copernicano dell’universo che poneva il sole al centro del sistema solare. Questo si opponeva alla dottrina della Chiesa Cattolica per cui la terra era al centro dell’universo. Fu chiamato di nuovo di fronto all’Inquisizione per eresia nel 1632 dopo la pubblicazione del Dialogo dei massimi sistemi. Galileo fu successivamente condannato agli arresti domiciliari.

 

Sotto osservazione degli ufficiali dell’Inquisizione nella sua villa di Arcetri, Galileo scrisse la sua ultima opera, Discorsi e dimostrazioni matematiche, intorno a due nuove scienze. Oggi Galileo è ricordato nel mondo per le sue scoperte di nuovi elementi nell’universo, i suoi perfezionamenti del telescopio, e per i suoi contributi alla fisica. Galileo morì l’8 gennaio 1642 nella sua villa ad Arcetri.

 

Galileo terminò i Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze durante la sua condanna agli arresti domiciliari ad Arcetri. Il risultato di più di trenta anni di esperimenti, Galileo considerava questo trattato sul movimento e l’attrito dei corpi fisici il suo capolavoro. Possiamo considerarlo come un riassunto della vita che Galileo ha dedicato alla scienza ed alla ricerca non limitata dall’autorità e dalla tradizione.

 

A Galileo non fu permesso pubblicare Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze in Italia perché il trattato contradiceva gli insegnamenti della chiesa. Dopo averlo completato, il libro fu segretamente fatto arrivare in Olanda per essere pubblicato dagli stampatori Elzevier. Poiché gli Elzevier resiedevano in un paese protestante, non correvano il rischio di essere chiamati di fronte all’Inquisizione.

 

 

CASE VII:

Lindsey Weaver

 

I fiori delle rime is an anthology of Italian poetry from the 15th and 16th centuries. Compiled by Girolamo Ruscelli and published in Venice in 1558, it includes works by some of the most illustrious poets of the time. Ruscelli was also known for his literary criticism, including studies of many classics of Italian literature, such as Ariosto’s Orlando Furioso and Boccaccio’s Decameron. He edited many other anthologies including a collection of poetry by Vittoria Colonna, one of the most famous female poets in Italian history.

 

It is interesting to note that of the 39 authors found in the anthology, only two are women, Vittoria Colonna and Veronica Gambara. Colonna is by far the more famous of the two. Born to a noble Roman family and married at age 17 to the Marquis of Pescara, Colonna lived her life among the intellectual elite of Italian society. After the death of her husband, Colonna wrote the great part of her oeuvre. The vast majority of her poetry consists of religious poems and love sonnets dedicated to her husband. She wrote her sonnets in the Petrarcan style popular at the time.

 

Today, Colonna is well-known for the friendships she formed with great artists and intellectuals of her day. Michelangelo Buonarrotti was a good friend of hers, even present at her death in 1547 at the age of 57.

 

The other female author in the anthology is Veronica Gambara. While less famous than Colonna, Gambara's work was nonetheless highly regarded during her lifetime. Daughter of a Brescian count, Gambara was born in northern Italy in Lombardy. At 17, her poetry was already becoming known throughout Italy. Pietro Bembo, whose work is also included in the anthology and was one of the leading poets of the time, was her mentor. At 24 Gambara married the Lord of Correggio, a small state near Parma. Her husband died just nine years later, leaving Gambara to govern Correggio at a time when Northern Italy experienced great political upheaval due to conflicts between France and the Hapsburg Empire.

 

In this position, Gambara used her poetry to attempt to influence the peace process, addressing many of her poems to people she believed could have a positive influence in the negotiations. The majority of her poems are sonnets, but she also wrote madrigals and ballads, on subjects as diverse as from politics, love, and the bucolic beauty of Brescia and Correggio.

 

+ + +

 

I fiori delle rime è un’antologia di poesia italiana del Quattrocento e Cinquecento. Compilato da Girolamo Ruscelli e pubblicato a Venezia nel 1558, include le opere di alcuni dei poeti più illustri dell’epoca. Ruscelli è anche conosciuto per la sua critica letteraria, tra cui l’analisi di tanti classici della letteratura italiana, come L’Orlando Furioso di Ariosto e il Decameron di Boccaccio. Ha compilato altre antologie tra le quali un’antologia di poesia di Vittoria Colonna, una delle poetesse più famose nella storia italiana.

 

È interessante osservare che dei 39 autori inclusi nell’antologia, soltanto due sono donne, Vittoria Colonna e Veronica Gambara. Colonna è di gran lunga la più famosa delle due. Nata in una nobile famiglia romana e sposata all’età di 17 anni al Marchese de Pescara, Colonna trascorse la sua vita fra l’elite intellettuale della società italiana. Dopo la morte di suo marito, Colonna cominciò a scrivere la gran parte delle sue opere. La maggioranza della sua opera sono poemi religiosi e sonetti d’amore dedicati al marito. Scrisse i suoi sonetti nello stile petrarchesco, che era popolare all’epoca.


Oggi, Colonna è conosciuta per le sue amicizie con i grandi artisti ed intellettuali del tempo. Michelangelo Buonarrotti fu un suo caro amico, presente anche alla sua morte nel 1547 a 57 anni.

 

L’altra poetessa nell’antologia è Veronica Gambara. Anche se meno conosciuta di Colonna, le sue opere furono molto rispettate durante la sua vita. Figlia di un conte di Brescia, nacque in Lombardia, nell’Italia del nord. Già all’età di 17 anni, la sua poesia stava acquistando notorietà per tutta Italia. Pietro Bembo, le cui opere sono anche incluse nell’antologia e che fu uno dei poeti più noti del tempo, fu un maestro di Gambara. A 24 anni Gambara sposò il governatore di Correggio, un piccolo stato vicino a Parma. Suo marito morì solo nove anni dopo, lasciando il governo di Correggio a Gambara in un momento di grande conflitto tra la Francia e l’impero apsburgico in quella regione d’Italia.

 

Trovatasi in questa posizione, Gambara utilizzò la sua poesia per tentare di influenzare il processo di pace, dedicando numorose poesie alle persone che riteneva avrebbero potuto avere un influenza positiva nelle trattative. La gran parte della sua poesia è composta da sonetti, ma scrisse anche madrigali e ballate, su soggetti così diversi come la politica, l’amore, e la bellezza bucolica di Brescia e di Correggio.

 

 

CASE VIII:

Matthew Ruggiero

 

Niccolò Machiavelli. The Works of the famous Nicholas Machiavel. London, R. Clavel, C. Harper, J. Amery, J. Robinson, A&J Churchill, 1695.

 

This anthology of works by Niccolò Machiavelli (1469-1527) includes: The history of Florence, The Prince, The discourses of Nicholas Machiavel, and The art of war. It was published in London, England in 1695.

 

Niccolò Machiavelli was born May 3rd, 1469 in Florence, Italy where he received a humanist education. From 1498 to 1512, Machiavelli held various positions in the Florentine Republic from serving as a diplomat to France and the Papal states to organizing the Florentine army. Once the Republic fell and the Medici regained power, Machiavelli retired to the Tuscan countryside where he wrote his greatest works, including The Prince, the comedy The Mandragola, and The Discourses. Although today The Prince is Machiavelli’s best known treatise, it was published only posthumously in 1532.

 

During the Renaissance, authors often dedicated their works to the powerful in the hope of gaining patronage. Niccolò Machiavelli wrote and dedicated his treatise The Prince to Lorenzo de’ Medici 1515. Interestingly, Machiavelli was trying to reestablish his good standing with the Medici family who had tortured and imprisoned him shortly after they overthrew the Florentine Republic and regained control of Florence in 1512. This manual illustrates those qualities that a strong prince ought to possess by way of historical examples gleaned from both classical texts and recent history. Rather than present an idealized image of the prince, Machiavelli provides practical advice for obtaining and maintaining power. Ideas from The Prince have been utilized by some of the most famous political leaders of our time. Often called a “handbook for despots,” The Prince has been read by not only the likes of Mussolini and Hitler, but also by Thomas Jefferson and recent Joint Chiefs of Staff.

 

Machiavelli’s theories continue to influence contemporary readers both through translations of The Prince and modern adaptations such as The Princessa: Machiavelli for Women and The New Machiavelli: The Art of Politics in Business.

 

+ + +

 

Quest’antologia delle opere di Niccolò Machiavelli comprende Istorie fiorentine, Il principe, I discorsi, e Dell’arte della guerra. Fu pubblicato a Londra nel 1695.

 

Niccolò Machiavelli nacque il 3 maggio nel 1469 a Firenze dove ricevette un’educazione umanista. Dal 1498 a 1512, Machiavelli assunse diversi incarichi politici nel governo della repubblica fiorentina, fungendo da diplomatico tra Francia e lo stato papale ed organizzando l’esercito fiorentino. Quando la repubblica venne sconfitta e la famiglia Medici riprese il potere, Machiavelli si ritirò nella campagna toscana dove scrisse le sue opere più importanti, tra cui Il principe, la commedia La mandragola, ed I Discorsi. Sebbene oggi Il principe sia il suo trattato più noto, fu pubblicato solo postumo nel 1532.

 

Molti autori durante il Rinascimento hanno dedicato le loro opere ai potenti nella speranza di trovare un mecenate. Niccolò Machiavelli scrisse e dedicò il suo trattato Il Principe a Lorenzo de’ Medici nel 1515. È interessante notare che Machiavelli cercava di ristabilire la sua reputazione agli occhi della famiglia Medici, la quale lo aveva fatto torturare ed imprigionare poco dopo la sconfitta della repubblica fiorentina e la riconquista del potere a Firenze nel 1512. Questo manuale illustra per mezzo di esempi tolti dalla storia antica e contemporanea quelle qualità che un principe forte dovrebbe possedere. Invece di presentare un’immagine idealizzato del principe, Machiavelli fornisce consigli pratici—e spesso non etici secondo la morale cristiana—per ottenere e mantenere il potere. Le idee di Machiavelli sono state utilizzate da alcuni dei politici più famosi del nostro tempo. Spesso chiamato “un manuale per tiranni,” Il principe è stato letto e studiato non solo da personaggi come Mussolini e Hitler, ma anche da Thomas Jefferson e dai Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti.

 

Le teorie di Machiavelli continuano ad influenzare lettori contemporanei sia mediante la lettura del Principe che quella di adattamenti moderni come The Princessa: Machiavelli for Women e The New Machiavelli: The Art of Politics in Business.

 

 

CASE IX:

Maaren Johnson

 

Bernardo Dovizi. La Calandra. Venice,1526.

 

Illustration from La Calandra

 

La Calandra, also known as La Calandria, is an early Renaissance play written in 1513 by Bernardo Dovizi da Bibbiena (1470-1520). The play marks the beginning of a new age of comedic performance, yet employs many themes and devices common to early Italian Renaissance literature. La Calandra is an adaptation of Plautus’ Menaechmi that also recalls elements of Ariosto’s comedy I Suppositi and Boccaccio’s Decameron. The author, Bibbiena, was a favorite of Pope Leo X and was considered an elegant writer as well as one of the most powerful men at Pope Leo’s merry court. Bibbiena was a cultured writer and a humanist scholar. La Calandra was first performed in Urbino in 1513 and again in 1518 at the Vatican before the Pope.

 

One of the earliest Renaissance comedies, Bibbiena’s La Calandra became a new model for comedic prose and the depiction of characters for Italian playwrights. La Calandra is also one of the first modern plays to include cross-dressing characters (Lidio disguises himself as a woman while Santilla puts on men’s clothing) as well as many intentionally “immoral” scenes.

 

During the early Renaissance, comedies and tragedies were often written and performed in Latin rather than in Italian. Since Latin was the language of the upper-class and learned elite, these plays were not accessible to common Italians. Bibbiena abandoned this tradition with La Calandra and wrote in Italian prose rather than Latin verse.

 

There are six illustrations in this volume, one at the beginning of each of the five acts, as well as the prologue. These woodcuts, representing scenes from the play, are fine examples of Venetian Renaissance illustration.

 

+ + +

 

La Calandra, conosciuta anche come La Calandria, è una commedia scritta all’inizio del Rinascimento nel 1513 da Bernardo Dovizi da Bibbiena (1470-1522). La commedia dà inizio ad una nuova epoca del teatro comico, continuando tuttavia ad utilizzare molti temi e mecanismi tipici della letteratura italiana del primo Rinascimento. La Calandra è un adattamento dei Menaechmi di Plauto che a sua volta richiama alcuni aspetti della commedia I Suppositi di Ariosto e del Decameron di Boccaccio. L’autore, Bibbiena, uno dei preferiti del Papa Leone X, era considerato uno scrittore elegante e uno degli uomini più potenti alla corte papale. Bibbiena era uno scrittore colto e uno studioso dell’antichità classica. Le prime rappresentazioni de’ La Calandra furono nel 1513 alla corte d’Urbino e nel 1518 al Vaticano per il Papa.

 

Uno delle prime commedie rinascimentali, La Calandra di Bibbiena divenne un nuovo modello di prosa comica e della rappresentazione di personaggi per i commediografi italiani. La Calandra è anche una delle prime commedie moderne ad includere il travestimento dei personaggi (Lidio si traveste da donna, mentre Santilla indossa abiti maschili) e molte scene intenzionalmente ‘immorali.’

 

All’inizio del Rinascimento, commedie e tragedie erano spesso scritte e messe in scena in lingua latina anziché in italiano. Poiché il latino era il linguaggio usato dai ceti sociali più alti e dalle elite intellettuali, quelle commedie non erano accessibili al popolo italiano. Con La Calandra, Bibbiena abbandonò questa tradizione scrivendo in prosa italiana anziché in versi latini.

 

Queste sei illustrazioni appaiono ciascuna all’inizio di ogni atto e del prologo. Le incisioni che rappresentano scene della commedia, sono ottimi esempi dello stile di illustrazione veneziana del Rinascimento.